I-BEAUTY, I DIGITAL DAYS DELLA COSMETICA ITALIANA IN KUWAIT

I-BEAUTY, I DIGITAL DAYS DELLA COSMETICA ITALIANA IN KUWAIT

Nell’immagine una foto di Dominika Roseclay da Pexels

Le hanno chiamate ‘Giornate della cosmetica italiana in Kuwait’. L’inedito evento virtuale sarà di primissimo livello: a organizzarle sono l’Ambasciata d’Italia in Kuwait e Cosmetica Italia, l’associazione nazionale imprese cosmetiche, in collaborazione con BolognaFiere Cosmoprof. Partiranno subito, tra pochissimi giorni, il 19 dicembre 2020: permetteranno alle aziende della cosmetica italiana di farsi conoscere presso il grande pubblico del Kuwait. Attraverso strumenti digitali, contributi di influencer locali e piattaforme social istituzionali della Ambasciata d’Italia in Kuwait  (Instagram e YouTube), le giornate dell’I(talian) Beauty daranno voce ai protagonisti del comparto cosmetico tricolore, per far conoscere il valore economico, scientifico e sociale della nostra industria della bellezza.

Una opportunità da non perdere per tutti gli operatori della bellezza del nostro paese: tutti connessi dal 19 al 23 dicembre 2020. L’iniziativa catturerà l’attenzione del pubblico kuwaitiano per raccontare e collocare la cosmesi tra le eccellenze del made in Italy accanto a moda, design, food, auto e gioielleria, comparti nei quali la creatività italiana è da sempre ai primi posti nel mondo.

Un primato che il mondo della cosmesi italiana esprime anche grazie agli elevati standard di sicurezza e qualità legati alla produzione nazionale, che investe circa il 6% del fatturato in ricerca e innovazione, e attraverso un format fieristico tutto italiano, quello di Cosmoprof, che permette di promuovere ed esportare in tutto il mondo i cosmetici fabbricati nel nostro paese, dai profumi ai prodotti per capelli, ai beni indispensabili per l’igiene, la protezione, la prevenzione e il benessere della persona, elementi essenziali per l’espressione dell’identità di ciascuno.

Il nostro paese è il 3° produttore in Europa di profumi, skincare e haircare: è noto che oltre il 67% del makeup consumato in Europa è fabbricato da imprese italiane; il dato a livello mondiale tocca il 55%.

“La cosmetica italiana, autentica eccellenza del nostro paese, trova nel Kuwait un mercato in forte espansione, nonostante l’attuale crisi pandemica. Intesa già di suo come brand, la cosmetica italiana – ha chiarito l’ambasciatore italiano in Kuwait, Carlo Baldocciè qui riuscita a farsi apprezzare grazie alle sue straordinarie capacità: fra queste qualità, originalità, design e sicurezza, tutte frutto anche di una forte attività di investimento in ricerca e innovazione oltre che di un’attenzione davvero unica per le esigenze del cliente, caratteristiche tipiche del prodotto italiano”.

Carlo Baldocci, ambasciatore italiano in Kuwait.

Renato Ancorotti, presidente di Cosmetica Italia, è entusiasta. “Accolgo con favore questo progetto voluto dall’Ambasciata italiana in Kuwait che lancia nuova linfa ed energia sul nostro settore e i suoi prodotti (…). I cosmetici fabbricati nel nostro paese si distinguono anche all’estero per la qualità, la propensione all’innovazione e per la capacità creativa tipica del saper fare italiano che tutto il mondo apprezza. Ecco perché, unitamente alla valorizzazione del brand made in Italy, si tratta di una leva competitiva da sfruttare in questa fase di ridefinizione di paradigmi sui mercati internazionali, tra cui quello kuwaitiano”.

Renato Ancorotti, presidente di Cosmetica Italia.

Enrico Zannini, direttore generale BolognaFiere Cosmoprof, ha puntato l’attenzione sulla necessità di internazionalizzazione della nostra industria della bellezza. “Da oltre 50 anni, Cosmoprof Worldwide Bologna è accanto alle aziende e agli operatori alla ricerca di nuove opportunità nei mercati internazionali più promettenti. Il nostro network internazionale è cresciuto nel corso degli anni, arrivando a coprire tutti i continenti con un format specifico per le necessità di business di ciascuna area geografica, dall’Asia all’America del Nord, dalla penisola indiana al Sud-Est Asiatico. Il nostro obiettivo è continuare a supportare il rilancio del nostro settore e della qualità che il sistema Italia esporta in tutto il mondo, per ripartire tutti insieme, più forti di prima”.

Enrico Zannini, direttore generale BolognaFiere Cosmoprof.

Il mercato della cosmesi del Kuwait è uno dei più promettenti del Medio Oriente. “Quello kuwaitiano – ha dichiarato l’ambasciatore Carlo Baldocci è un mercato dove, proprio per tutto questo, vogliamo e siamo destinati a crescere in maniera significativa. Sono molto lieto di questa prima iniziativa di collaborazione, per ora in remoto, fra Ambasciata d’Italia, Cosmetica Italia e Cosmoprof, cui altre seguiranno già a partire dal 2021”.

Leave a comment

Send a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *